IO LO FACCIO DA SOLA: ovvero quando il viaggio ci aiuta a combattere le paure

«Io lo faccio da sola…»: chissà quante volte ci sarà capitato di pronunciare questa frase, o per lo meno di pensarla. In quanti sono stati capaci di passare dalle parole ai fatti?
Una cosa è certa, il più delle volte fare cose da soli ci mette in grosse difficoltà. Ad esempio, avete mai pensato di partire per una vacanza da soli, oppure di partecipare ad una festa sulla spiaggia, o magari dopo una giornata passata a sciare, accettare un invito per un party sullo chalet? Ma non avendo nessuna persona al nostro fianco, i pensieri sono velocemente dilagati in domande allarmanti del tipo:

Cosa penseranno gli altri di me? Come potrò farmi avanti? E se nessuno volesse stare con me?

Ecco che così sono partiti i nostri inquilini segreti: i pregiudizi, le credenze, le paure che ci hanno limitato fino ad oggi nel nostro agire. Allora abbiamo abbandonato l’idea del viaggio, della festa e siamo restati a casa da soli a rimuginare o peggio ancora, a pensare che il mondo fosse ingiusto e che gli altri fossero fortunati e noi no!

Ma in fondo al nostro cuore, sapevano e sappiamo che non è così. Ma non abbiamo idea di come uscire dai nostri limiti e soprattutto: come cambiare. Eppure il cambiamento è una costante della nostra vita. Costantemente cambiamo e nello stesso tempo rimaniamo fedeli a noi stessi:

Ma se continuiamo a fare ciò che abbiamo sempre fatto, otterremo ciò che abbiamo sempre ottenuto!

Inutile, quindi, rimandare: il momento migliore per agire è ADESSO!

Gestire il cambiamento

Cambiare non è semplice, ma certamente possibile. Per questo, abbiamo raccolto per voi, due suggerimenti pratici affinché il cambiamento prefissato diventi non solo possibile, ma inevitabile:

  • Hai paura delle novità, dato che paventi di perdere il controllo?
    Più ti ostini a mantenerlo, più è facile che lo perdi. Per aggirare l’impasse, adotta l’effetto paradosso, cioè “spegnere il fuoco aggiungendo la legna. Se vuoi dominare una paura, prova a calarti volontariamente nelle peggiori fantasie che la riguardano, ciò ti permetterà di controllare l’eventuale perdita di controllo.
  • Il fallimento ti spaventa, hai paura che gli altri ti giudichino quando ti vedono tutta sola?
    In questo caso dobbiamo mentire dicendo la verità. In altre parole capire che è normale che tutti, prima o poi, possano fallire nell’intento di piacere. Ragion per cui, è possibile che anche tu fallisca. In pratica: pianifica un piccolo errore, poiché un piccolo sbaglio pianificato ti difenderà da uno grande. E poi, non è forse vero che una piccola imperfezione ci rende più simpatici agli occhi degli altri?

Adesso invece, vi proponiamo i tre comportamenti da evitare assolutamente affinché una semplice paura non si trasformi in una fobia:

  • Primo: «Si tende ad evitare l’oggetto che fa paura. È normale, ma nel momento in cui ci rifiutiamo di affrontarla commettiamo il primo errore»;
  • Il secondo atteggiamento, anche questo istintivo ma sbagliato, è chiedere aiuto a qualcuno per superare la paura: «Non è una strategia efficace: se non la si affronta da soli, ci si convince di aver sempre bisogno di un aiuto per farcela»;
  • Terzo: «La persona tenta di controllare le proprie reazioni emotive con pensieri razionali, non ce la fa e questo non fa che aumentare la sua fobia».

Paura di decidere

La paura è dettata dall’istinto di sopravvivenza, è l’emozione che permette di non correre pericoli mortali, quindi attiva l’amigdala e i centri nervosi più antichi del cervello, responsabili di reazioni velocissime, come ad esempio farci riprendere l’equilibrio quando inciampiamo, sono reazione immediate, non controllabili e razionalizzabili». Per questo la paura è una sana reazione ma non dobbiamo permetterle di diventare fobia.

Pertanto vi invitiamo a fare una “esperienza emozionale correttiva” che sconfiggerà i vostri inquilini segreti e vi farà scoprire che fare le cose da soli ci dà il piacere d’una grande compagnia: la nostra.

› SCOPRI COME “CREARE E GESTIRE IL CAMBIAMENTO ATTRAVERSO IL MODELLO DI PROBLEM SOLVING STRATEGICO, CLICCA QUI! ‹


Workshop 9-10 Settembre

Relatori:

CRISTINA NARDONE/SEBASTIANO ZANOLLI

Impara strumenti concreti per CREARE reti di relazioni serie e positive, per CRESCERE professionalmente e LAVORARE in modo proficuo!